Razer Mamba

 Aggiungi alla lista  Confronta
Confronta il prezzo di tutti Razer Mouse e dispositivi di puntamento (35)
Informazioni dettagliate Passa a full-text Valutazione del prodotto (6.00)
  •  
    Fai clic su una stella per dare una valutazione
Per lasciare una recensione devi effettuare l'accesso

  • Recensioni degli utenti di altri paesi

    Ordinato per data

  • Buono
    2 anni fa
    Aggiornato: 2 anni fa
    Personalmente, direi che si tratta per me di un mouse molto piacevole e comodo, ma ovviamente ha i suoi difetti.

    + Il meccanismo
    Il mouse è per prima cosa sensibile, rileva i movimenti in maniera precisa. Può essere talmente preciso che è un po' come avere una macchina fotografica digitale senza stabilizzatore. I tremolii vengono rilevati ma, per fortuna, è possibile regolare bene la sensibilità sia sotto il mouse che nel programma Synapse 2.0, che si installa automaticamente dopo aver collegato la stazione di ricarica o il mouse stesso al computer.

    + Comodità
    È molto comodo per la mano, i bordi del mouse hanno una soffice superficie in elastomero, per conferire una buona presa, e la superficie del mouse è – leggermente – più rugosa che liscia, per far passare un po' d'aria e non far sudare la mano dopo un periodo lungo di utilizzo.

    + I pulsanti
    I pulsanti hanno un tocco molto piacevole e positivo, ma si tratta di una caratteristica piuttosto basilare nella maggior parte dei mouse dei tempi moderni. Sfortunatamente, il mouse non ha pulsanti sul lato destro, ma soltanto su quello sinistro.

    Certo, non dovrebbe essere una cosa grave, ma per la gran parte del tempo i mouse da gioco hanno la gestione profili sui pulsanti del lato destro, cosa che manca a questo mouse. È per questo, di conseguenza, che il profilo non può essere modificato che dal loro programma, Synapse. Se non preinstallate pulsanti macro, in altre parole.

    Il mouse ha quattro pulsanti supplementari, i pulsanti principali e secondari, nonché la rotella, per un totale di sette pulsanti.

    La rotella sembra un po' più reattiva in questo mouse rispetto alla maggior parte dei mouse che ho provato, questo può essere un punto a favore, in funzione dell'utente.

    + L'estetica
    Siamo sinceri, ciò su cui mettiamo l'accento con questo mouse, è chiaramente la retroilluminazione. È per la funzione Chroma che riceve la maggior parte delle lodi. È possibile programmare ogni diodo singolarmente, in modo da creare il suo spettro specifico.
    Anche la luminosità può essere regolata nello stesso modo degli altri mouse con caratteristiche simili.
    La docking station e il mouse hanno ognuno un profilo, e possono essere collegati per essere compatibili

    Durante la ricarica del mouse sulla stazione, i diodi vengono utilizzati come indicatori di ricarica. La parte ricaricata della batteria del mouse è illuminata, mentre la parte restante aspetta di accendersi. In questo modo, si può seguire lo stato della ricarica.
    Questo conferisce un buon tocco, a mio avviso.

    Preferisco non commentare l'aspetto estetico del mouse, perché si tratta di una questione molto soggettiva, che cambia da persona a persona. Guardate le foto e vedete se vi piace.

    - Alimentazione
    Passiamo ora al punto più negativo. Immagino che ve lo aspettaste, anche io. Il mouse ha una strana batteria AA integrata. Secondo Razer, il mouse avrebbe 20 ore di gioco di autonomia, dopo una ricarica completa. Il problema, però, è che più spesso la batteria viene ricaricata, più decade, rendendo il mouse un po' meno resistente nel corso del tempo.

    Durante la prima settimana di utilizzo, era vero, il mouse resisteva per circa due giorni. Ma dopo essere stato ricaricato molto più spesso, con il tempo il mouse si è indebolito. Oggi, arriva a restare acceso per dieci ore in stand-by. Poi siamo costretti a lasciarlo di nuovo a riposare sulla stazione di ricarica.

    Però, viene fornito un solo cavo micro USB - USB 3.0 placcato oro (e non due), per collegare la stazione al PC o il mouse al PC. Il che vuol dire che il mouse ha la possibilità di essere con o senza fili, nel caso in cui qualcuno di voi avesse il dubbio.

    - La stazione di ricarica
    È molto semplice e compatta, la parte inferiore della superficie è ricoperta di un materiale antiscivolo. Purtroppo, la stazione non pesa molto e non resta in posizione quando si prova a metterci il mouse.
    Posizionare il mouse sulla sua stazione di ricarica può risultare un po' problematico, non si trova subito il connettore e bisogna cercarlo un po', perché il mouse è più largo della stazione.

    - Conclusione
    Consiglierei questo prodotto? - No. Non a questo prezzo; c'è un mouse molto simile a questo, ma unicamente con filo, per appena un po' più del 40% in meno.
    (42,5% per essere precisi)
    Non comprate questo mouse a meno che non vogliate davvero avere un modello senza fili del Razer Mamba 2015, è l'unica differenza.

    Ho un'avversione davvero esagerata per i cavi, è per questo che ho optato per questo mouse.
  • Molto buono
    2 anni fa
    Ho usato il suo predecessore per 5 anni, ma il pulsante di sinistra si è rotto, così ho comprato questo. Attualmente è il miglior mouse sul mercato, ma ci sono alcuni aspetti per cui il nuovo è peggiore del precedente, in particolare:

    - La superficie al tatto: è plasticosa se paragonata alla precedente. Sulla precedente, il materiale era opaco, morbido e liscio, ora è solo plasticoso. GRANDE DIFFERENZA: in peggio, purtroppo.

    - I due pulsanti per modificare i DPI al volo sono peggio posizionati sul nuovo modello rispetto al vecchio, in cui si trovavano accanto al pulsante di sinistra. Ora si trovano al centro del mouse, dietro la rotella.

    Adesso, quindi, bisogna spostare l'indice più lontano e in maniera meno naturale per modificare i DPI al volo. In genere uso DPI bassi quando sono, per esempio, cecchino in BF, ma ora è più difficile modificare i DPI dopo aver per esempio guidato un carro armato, ed essere uscito per tirare da cecchino (ci si potrebbe anche chiedere perché io guidi dei carri armati quando sono cecchino, ma questa è un'altra storia).